#bloggerinbo

E’ passato un anno dal mio battesimo da blogger in quel di Marostica, l’occasione era stata il #duemoriopenday2013, un weekend tra blogger per vedersi in faccia, conoscersi dal vero, scoprire se la nostra l’idea che ci siamo fatti di una persona, di un profilo, di un blog è la stessa nella realtà. Basta virtualità, basta il filtro del web, basta programmi preconfezionati. Noi, le nostre famiglie, i nostri figli, e le persone in primis. Sarà anche acqua calda, ma conta eccome 🙂

Alla faccia di chi dice che il web, i social network, i blog e compagnia bella sono astrazione dalla realtà e portano solo a contatti virtuali, a vite parallele, a relazioni sociali col pc/tablet/smartphone. Che si inaridisce, che si diventa avatar di sé stessi e dietro c’è il nulla. Ok proviamo a dimostrare il contrario. Che il web non è un fine, ma può essere utilizzato come splendido mezzo. E proviamo anche a mettere da parte tutto il rumore di fondo legato agli inviti, alle collaborazioni, ai blogtour, al business, agli obiettivi altri rispetto a quello che di partenza è una passione che ci unisce, e parecchio. Una specie di reset.

DSC_0368

Da qui nasce #bloggerinbo2014, un secondo happening, le stesse persone presenti l’anno scorso a Marostica con qualche defezione e qualche new-entry, un gruppo di bloggers che si ridanno appuntamento da qualche parte in Italia, così per la pura voglia di farlo e stare insieme. Capita anche questo sul web, che si diventa amici e si ha voglia di rivedersi! Stavolta l’organizzatrice è Milly del blog BimbieViaggi ed essendo in molti con figli al seguito, l’idea è di una visita di Bologna kidsfriendly. Quindi, chi da Roma, chi da Bassano, chi da Alessandria, chi da Bergamo, chi da Como, chi da Cattolica, chi da più vicino si parte tutti per la Dotta, la Rossa, la Grassa Signora.

La prima tappa è La Ragazza con l’orecchino di perla, la mostra da Vermeer a Rembrandt a palazzo Fava in pieno centro storico. La pittura del Seicento olandese in 37 opere e sei sezioni – la storia del Mauritshuis, la pittura di paesaggio, il ritratto, interni con figure, nature morte, e infine lei, la regina, La ragazza con l’orecchino di perla, che ha una sala tutta per sé e merita da sola il viaggio. Audioguida per adulti e per fortuna audio guide apposta per bambini … loro smanettano e ascoltano volentieri e noi abbiamo il tempo di gustare le opere senza corrergli dietro. Per tutte le info sulla mostra, visitabile fino al 25 Maggio guardate qui.

la ragazza

In realtà, siamo solo all’”aperitivo”, e il clima si svela subito quando, usciti dalla mostra, estraiamo dalle borse gli strani turbanti e gli orecchini di stagnola per la foto di rito davanti al pannello di ingresso con la ragazza sullo sfondo. Tanto è carnevale! Non c’è ghiaccio da rompere, l’atmosfera è come quando vedi dei vecchi amici e il tempo sembra non essere passato, e l’unico programma da seguire è quello che abbiamo voglia di seguire noi.

Inizia la visita del centro di Bologna con una guida Babyplanner che ci porta alla scoperta dei simboli della città, da Piazza Maggiore alla Fontana del Nettuno, dalla Torre degli asinelli al cuore medievale, alla Basilica di Santo Stefano con il complesso delle Sette Chiese, a passeggiare sotto i portici e fermarci davanti a una vetrina storica strapiena di turtlèin, al palazzo comunale d’Accursio 🙂 No, dico, 3 ore in cui i bambini si sono conosciuti, si sono divertiti e hanno camminato, corso, giocato e ascoltato con interesse senza MAI lamentarsi o dare segni di stanchezza. E noi abbiamo potuto, soprattutto chi non c’era mai stato, vedere la città sotto una veste differente, molto meno scontata.

Guarda un po’ quel blogger lì che sembrava uno strafigo sui social come è messo!!! Guarda quell’altro che strampalato, o che voce strana, o che bella donna, o che simpatia innata, o che erre moscia, o che energia !!! ognuno con i suoi difetti, la sua normalità, la sua bellezza, il suo volto, le sue rughe d’espressione, la sua parlata, la sua aura. Ognuno con la sua persona e la sua famiglia. I suoi casini, il suo lavoro, la sua realtà e la sua strada. Si parte da passioni comuni e ci si scambia esperienze. #mybologna è un contesto perfetto per andare oltre. Si convidide del tempo, senza altri fini. Merce rara di questi tempi 🙂

Ne esce una giornata memorabile, spesso di conferme o di scoperte, perché le idee diventano certezze, i castelli in aria materia, e un abbraccio, un’occhiata e un sorriso valgono più di mille tweet o pseudo-fan o grandi mi piace. La serata prosegue finalmente seduti tra una tigella e una crescentina, anzi molteeee tigelle  crescentine, molto risotto, molta gramigna al ragù, affettati, formaggi, e lambrusco. E corse dei bambini che ormai erano veramente pappa e ciccia 🙂 Una parte di noi si ferma anche a dormire e prosegue la mattina successiva con il giro del parco e del museo d’arte Cà La Ghironda, qualcuno deve ripartire.

Che dire, vedersi così in autonomia, “fuori dai giochi” dovrebbe diventare un must, almeno due volte l’anno… finirebbero quei tanti, troppi malintesi che nascono e si alimentano dietro allo schermo di un pc/smartphone e a noi blogger, travel-food-fashion-frittomisto, farebbe solo un gran bene 🙂 io non vedo l’ora che si organizzi il prossimo incontro. Non mancherò di sicuro!

bloggerinbo2014 - foto di Massimo Pedrina

PS. grazie per la compagnia alle famiglie di:

Milly di BimbieViaggi, Monica di Viaggi e Baci, Simona di Simona Sacri travel blogger, Liliana di Liliana Monticone Blog, Claudia di La Bacheca di Mafalda , Annalisa di Guasti Quotidiani , Mary di Playgroundaroundthecorner , Francesca di Patatofriendly , Vatinee di The Thai Pianist , Giorgia di Priorità e Passioni , e l’outsider (anche se per poco) Giovy di Emotion Recollected in Tranquillity .  E peccato per qualcun altro che per impegni o casini dell’ultimo minuto non è potuto venire in corner.

Advertisements

19 responses to “#bloggerinbo

  1. Che dire? Perfetto post riassuntivo, da leggere anche tra le righe… Non ci resta che cercare di organizzare il prossimo incontro!
    Complimenti per aver fatto credere che splendesse il sole (ma quante foto sei riuscita a scattare in quei 5 minuti 5 in cui è uscito?!?!?)

    • è arte cara!!!!!! in effetti la luce non era un gran che, quando si sono aperte le nuvole ed è arrivato quell’arancio sulle facciate…ho fatto uno scatto compulsivo 🙂

    • e ora pensiamo già al 2015, allargando le maglie e con qualche altra destinazione doc 🙂

  2. Per quanto riguarda il sole non ho parole!!
    Per il resto invece … Dico solo che mi è spiaciuto dover tornare a casa!!!:)

    • e noi i lati positivi ce li vogliamo godere tutti…per i negativi basta chiudere un occhio 😛 abbraccio ricambiato

    • Mannaggia…ma tanto ci saranno altri #bloggerinX e ci rifaremo sicuro. Grazie di essere passata 🙂

  3. Pingback: Nuova sezione ontheroad che sarà postata a caldo durante ogni viaggio. - Liliana Monticone·

    • ciao Marta, allora il prossimo anno quando si organizzerà di nuovo spero sarai dei nostri 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s